Eventi

Archivio Eventi

20 Gennaio 2022.

Let’s Talk Guest: Sherif El Sebaie

Let’s Talk Guest: Sherif El Sebaie

Cos’è?
Let’s Talk Guest è un appuntamento nel quale invitiamo ospiti espertə ad approfondire un tema proposto dalle opere in mostra. Per la durata di circa un’ora e mezza, attraversiamo lo spazio espositivo insieme a una mediatrice culturale e poi ci fermiamo ad ascoltare l’espertə. 
Durante un Let’s Talk Guest si pongono domande e si parla, partecipando a un’esperienza orientata dal dialogo e dallo scambio di informazioni, punti di vista, opinioni. 

Cosa facciamo?
Il titolo del Let’s Talk Guest condotto da Sherif El Sebaie è Big cats: i grandi felini tra arte, moda e camouflage
Il suo racconto prende spunto da Critical Dictionary of Southeast Asia dell’artista e regista Ho Tzu Nyen (Singapore 1976), una delle opera esposte in “Safe House”, la mostra della Seconda stagione di Verso. Il “dizionario critico” è un’installazione, un sito web, un database che costruisce una riflessione critica sull’immaginario associato al Sud-Est asiatico. Per ogni lettera dell’alfabeto, un algoritmo seleziona in tempo reale un diverso insieme di testi, suoni e immagini, formando un abbecedario in continuo divenire. Alla lettera T corrisponde “Tigre”. Il manto maculato o a strisce, che serve a questo animale per mimetizzarsi, ha reso la sua pelle un segno di distinzione e di ricchezza e dunque un oggetto del desiderio.
Sherif El Sebaie accompagnerà lə partecipanti al Let’s Talk in un percorso storico-artistico alla scoperta di questi animali e di ciò che hanno rappresentato da un punto di vista simbolico, prima di essere inseriti nella lista degli animali in pericolo stilata dall’International Union for Conservation of Nature.

Chi partecipa?
Let’s Talk Guest è un appuntamento per gruppi di quindici giovani dai 15 ai 29 anni. L’ospite dell’episodio (inserire numero) della Stagione 2 di Verso è Sherif El Sebaie.

Sherif El Sebaie è nato al Cairo, di origini greco-egiziane e naturalizzato italiano. Esperto di diplomazia culturale, rapporti euro-mediterranei e transatlantici, ha ricoperto numerosi incarichi fra cui quello di consigliere di amministrazione dell’Ufficio Pio della Compagnia di San Paolo e consulente scientifico in  fase di allestimento museale della Galleria dei Paesi Islamici dell’Asia del MAO-Museo d’Arte Orientale di Torino. Opinionista radiofonico e televisivo, collabora con diverse testate giornalistiche nazionali.  Nel 2008 è invitato a partecipare all’International Visitor Leadership Program”, il programma di scambi per leader internazionali del Dipartimento di Stato USA. Nel 2017, viene scelto come Marshall Memorial Fellow del German Marshall Fund, influente think tank con base a Washington. Nel 2015 è stato selezionato dall’Università della Virginia come uno dei 10 Fellow del Simposio Internazionale di Arte Islamica di Doha, il più prestigioso appuntamento per gli studiosi della materia.

Quando e dove?
giovedì 20 gennaio 2022 | h. 18.00 – 19.30
In Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Via Modane 16, 10123 Torino

Come prenotarsi?
Per partecipare è necessario mandare una mail a biglietteria@fsrr.org.

10 Dicembre 2021.

Assemblea (in)visibile

Assemblea (in)visibile
Maratona pubblica di immaginazione radicale

DormoZero, Mackda Ghebremariam Tesfau’, Adelita Husni-Bey, Asmaa Jama, Gouled Ahmed, Marie Moïse, Fiamma Mozzetta, Jama Musse Jama, Marvin Gabriele Nwachukwu, Carole Oulato, Mara Pieri, Alice Rossi, Milica Tomić, Amphibia

a cura di Adna Čamdžić, Eleonora Marocchini, Hani Mincione Tabacco e Mariam Camilla Rechchad, Anas Mghar e Irene Pipicelli

con il coordinamento di Bernardo Follini e Simone Frangi
Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, via Modane 16, Torino
10 e 11 dicembre 2021

La Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, il 10 e l’11 dicembre, nell’ambito del progetto VERSO, presenta Assemblea (in)visibile, maratona pubblica di immaginazione radicale.
Assemblea (in)visibile è l’attivazione di un denso palinsesto ibrido di due giorni, costruito con l’obiettivo di trasformare le ricerche individuali presenti nel Gruppo di ricerca della Stagione 1 di VERSO in programmazione pubblica e di incrociare i diversi percorsi, aprendo uno spazio collettivo di allenamento di immaginari politici sostenibili per il nostro futuro.
Pensato come uno spazio di “contraddizione sostenibile”, Assemblea (in)visibile si presenta come un luogo fisico e virtuale  per interrogarsi sulla funzione e l’effettività dell’immaginazione radicale – così come proposta dalla science fiction/speculative fabulation femminista, dagli Afrofuturismi, dalle herstories e in generale da tutte quelle prassi che rifiutano l’oggettività scientifica per mettere al centro plurime soggettività subalterne invisibilizzate – nell’affrontare gli assi di ricerca del programma VERSO: il linguaggio come dispositivo di produzione dei soggetti; l’assemblea come spazio del discorso democratico; l’alleanza come orizzonte collettivo per l’iscrizione di politiche antidiscriminatorie; la memoria come territorio di conflitto da riconsiderare e riscrivere; la tecnologia come spazio di costruzione del sé.
Assemblea (in)visibile propone un formato multi-linguaggio e multi-modale dotato di una struttura fluida, ritmata da un sistema di transizioni. Il programma si costruisce progressivamente attraverso un “passaggio di testimone” vicendevole tra linguaggi diversi che, non essendo di sola matrice discorsiva, sono in grado di  generare pensiero con strategie affettive e pragmatiche diverse. Come gli oggetti artistici e culturali ci fanno pensare? In che modo ci mettono in moto? Come in un comune orizzonte estetico si può creare una forma di risveglio politico e attivazione sociale?
Nell’arco dei due giorni della sua attivazione questo formato mira alla creazione di un bacino di materiale confuso ma aderente al programma VERSO che verrà lasciato in eredità al progetto e ai futuri gruppi di ricerca grazie ad un lavoro di archiviazione estemporaneo condotto da un.a editor in residence e da un workshop di zine-making DIY.

Programma completo

Verso è un progetto della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, curato e prodotto con l’Assessorato alle Politiche Giovanili della Regione Piemonte, nell’ambito del Fondo nazionale per le politiche giovanili. È un programma di mostre, workshop, incontri, visite e conferenze dedicato ai giovani e alle giovani dai 15 ai 29 anni (verso.fsrr.org)

09 Dicembre 2021.

In our little corner of the world

In our little corner of the world
9 dicembre, dalle 20 alle 22
Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Via Modane 16, Torino

In our little corner of the world è l’evento aperto al pubblico che chiude il progetto Incontri di avvicinamento all’arte contemporanea per l’anno scolastico 2021-2022, che ha coinvolto le classi IIA, IIG e IIL del Liceo Classico Musicale Cavour.

Lə studenti delle tre classi hanno partecipato a quattro incontri curati dal Dipartimento Educativo della Fondazione, durante i quali hanno visitato le mostre Safe House, Stretching the Body e Neural Swamp, approfondendone temi e contenuti, con l’obbiettivo di trasmettere attraverso parole, immagini e azioni la propria esperienza.

Giovedì 9 dicembre 2021 lə studenti si trasformeranno in mediatorə culturali d’arte contemporanea, in narratorə e performer per raccontare al pubblico il proprio punto di vista sulle mostre. In our little corner of the world è un evento realizzato nell’ambito di “Verso. I giovani tra cultura, tecnologia e partecipazione politica”, un progetto della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, curato e prodotto con l’Assessorato alle Politiche Giovanili della Regione Piemonte, nell’ambito del Fondo nazionale per le politiche giovanili.

L’ingresso è libero e gratuito.

Informazioni: dip.educativo@fsrr.org / 011-3797631

19 Novembre 2021.

Un Borgo bello da vivere. Da Borgo a Polo Culturale: Guarene

Il 19 novembre, alle 17.30, a Palazzo Re Rebaudengo (Piazza Roma, 1, Guarene), si terrà un convegno organizzato da Confindustria nazionale, Confindustria Cuneo e Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.
Il titolo del convegno è “Un Borgo bello da vivere. Da Borgo a Polo Culturale: Guarene”.

Seconda tappa del percorso nazionale “Un borgo bello da vivere” promosso dal Gruppo Tecnico Cultura, in collaborazione con il Touring Club Italiano, per mettere al centro del dibattito alcune realtà di grande prestigio che, grazie alle condizioni infrastrutturali e logistiche, grazie alla vivacità culturale e all’identità storica, grazie ad un tessuto imprenditoriale attento ai modi di produrre e al rapporto con la comunità, sono borghi belli, attrattivi e attraenti, tutti da vivere.

A Guarene l’attenzione è puntata, in particolare, sull’evoluzione del borgo che, nel tempo, si è affermato come polo culturale, anche attraverso nuove forme di mecenatismo e di un’imprenditoria attenta a donare/restituire al proprio territorio e a considerare la cultura, non solo come un fattore di attrazione, ma anche di sviluppo economico. A fare da fil rouge uno sguardo puntato al futuro e amplificato dalla visione sperimentale e innovativa dell’arte contemporanea.

Interverranno Alberto Cirio, Presidente Regione Piemonte, Simone Manzone, Sindaco di Guarene, Maria Cristina Piovesana, Vice Presidente Confindustria per Ambiente, Sostenibilità e Cultura, Franco Iseppi, Presidente Touring Club Italiano, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, Presidente Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.

Si terranno, a seguire, i talk “Investire in cultura: un nuovo mecenatismo” con Giuseppina Amarelli, Presidente Amarelli Fabbrica della Liquirizia, Roberta Ceretto, Presidente Cantine Ceretto, Mauro Gola, Presidente Confindustria Cuneo, Bartolomeo Salomone, Presidente Ferrero, e “La cultura come fattore di attrazione e sviluppo” con Giuliana Cirio, Direttrice di Confindustria Cuneo, Pierluigi Vaccaneo, Direttore Fondazione Cesare Pavese, Paolo Verri, Direttore Esecutivo Ocean Race, Emiliano Cerasi, Amministratore Delegato sac.

Conclusioni di Antonio Alunni, Presidente Gruppo Tecnic Cultura Confindustria

Modera Nicoletta Polla Mattiot, Sole 24 ore

Ingresso libero fino ad esaurimento posti previa prenotazione a rsvp@fsrr.org
Cocktail a seguire

14 Novembre 2021.

Giornata Mondiale del Diabete 2021

Giornata Mondiale del Diabete 2021
14 Novembre 2021, ore 15-19

In occasione della Giornata Mondiale del Diabete 2021 la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, in collaborazione con il Centro di Diabetologia Pediatrica dell’Ospedale Infantile Regina Margherita diretto dalla Prof.ssa Luisa de Sanctis, il Dipartimento di Scienze di Sanità Pubblica e Pediatriche dell’Università di Torino e l’A.G.D. ONLUS (Associazione per l’Aiuto al Giovane Diabetico), sezione Piemonte e Valle d’Aosta, organizza un pomeriggio aperto d’incontro, visite alle mostre e laboratori dedicati a bambinə e ragazzə con diabete, alle loro famiglie e a chiunque sia interessato al tema del diabete.

Si potranno visitare le mostre Safe House, che indaga i temi della complicità e del fare gruppo, dell’essere visibili e invisibili mentre si agisce nel mondo, Stretching the Body, che invece racconta attraverso il medium della pittura il rapporto tra soggetto/ritratto e oggetto, e Neural Swamp, un’opera dell’artista Martine Syms che immerge lo spettatore nello spazio virtuale di una storia generata da un’intelligenza artificiale.

I temi delle opere saranno messi in gioco in diverse postazioni di laboratori creativi adatti a tutte le età e le abilità, per un pomeriggio di gioco, condivisione e scoperta.

Nel corso del pomeriggio, le famiglie potranno contare sulla presenza del team (medici, infermieri, dietista e psicologa) dei medici del Centro di Diabetologia Pediatrica dell’Ospedale Infantile Regina Margherita, per consigli e aggiornamenti sui percorsi di cura, e chiunque sia interessato potrà avvicinarsi a questa realtà fatta anche di ricerca e innovazione.

La Giornata Mondiale del Diabete, il cui tema è l’accesso alle cure, sarà anche l’occasione per presentare un percorso sperimentale di collaborazione tra Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e Ospedale Infantile Regina Margherita, in cui bambinə e ragazzə con diabete e le loro famiglie alterneranno incontri con lo psicopedagogista Gianermete Romani e attività di visite alle mostre e laboratori. Le opere d’arte contemporanea saranno una palestra in cui sperimentare la consapevolezza di sé, lo sguardo creativo, la capacità di trovare risposte inaspettate alle domande che la realtà ci pone.

Attività:
Foto di gruppo! Esplora le mostre Safe House, Neural Swamp e Stretching the Body alla ricerca di ispirazione per una speciale foto di gruppo. Procuratevi quello che serve per il vostro scatto e…. Sorridete ai giovani fotografi dell’Istituto Albe Steiner!

Io Manifesto. Quali sono le tue parole importanti? Sceglile con cura e stampale sul tuo manifesto, con i caratteri mobili dell’associazione Archivio Tipografico. Se porti con te una maglietta potrai stampare il tuo slogan per indossarlo quando vuoi.

Art Map. Una mappa piena di suggerimenti per visitare il museo divertendosi.

Ping-Pong Club @FSRR. Un torneo di ping-pong unico, da giocare nell’opera dell’artista Július Koller.

Informazioni
Le attività di laboratorio e le visite alla mostra sono gratuite per tuttə. Per informazioni accessibilita@fsrr.org o 0113797631.
Per accedere agli spazi della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo è obbligatorio indossare la mascherina e esibire il Green Pass.

?>