Eventi

Calendar

Dicembre

02.

Let’s Read / Neural Swamp e Safe House

Verso#2 “Neural Swamp” e “Safe House”

Let’s Read:

Percorsi di visita e di lettura in mostra.

giovedì 11 novembre 2021 | h. 18.00-19.30

giovedì 2 dicembre 2021 | h. 18.00-19.30

giovedì 16 dicembre 2021 | h. 18.00-19.30

giovedì 13 gennaio 2022 | h. 18.00-19.30

giovedì 3 febbraio 2022 | h. 18.00-19.30

Fondazione Sandretto Re Rebaudengo | via Modane 16, 10123 Torino

Let’s Read è un ciclo di incontri che la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo ha ideato con le Biblioteche civiche torinesi, da anni impegnate nella promozione e diffusione dei gruppi di lettura, contribuendo al principio di cittadinanza culturale e di partecipazione attiva alla vita pubblica della città. Guidati da Cristina Fanelli bibliotecaria della Biblioteca civica centrale e da una mediatrice culturale d’arte della Fondazione, i gruppi di lettura affronteranno i temi legati alle mostre e alle ricerche dellə artistə, attraverso percorsi di visita e di lettura negli spazi del museo.

I primi due incontri di Let’s Read si svolgeranno giovedì 11 novembre e giovedì 2 dicembre nell’ambito della mostra Neural Swamp di Martine Syms, artista assegnataria della seconda edizione della Future Fields Commission in Time-Based Media, conferita all’artista congiuntamente dalla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e dal Philadelphia Museum of Art.

L’installazione immersiva sarà il punto di partenza per esplorare i temi della ricerca dell’artista, in particolare il senso di frammentazione e performatività che caratterizzano l’identità e la cultura al tempo di internet e dei social media e le rappresentazioni del corpo nero femminile nello spazio digitale.

Dal terzo incontro, ci sposteremo nello spazio della mostra collettiva Safe House che apre la seconda stagione di VERSO: a guidarci nella scelta dei testi e delle letture sarà l’opera di Sharon Hayes In My Little Corner of the World, Anyone Would Love You, 2016.

In un’installazione video a cinque canali, tredici lettorə rileggono estratti da un ampio campo di newsletter femministe, lesbiche, gay, trans e di riviste indipendenti pubblicate negli Stati Uniti e nel Regno Unito tra il 1955 e il 1977. La rimessa in circolo di un archivio di testi attiva la discussione intorno ai temi della costruzione di un corpo collettivo che si muove lungo il confine tra una dimensione privata, intima, domestica e una pubblica, plurale e politica.

Le mostre non costituiranno semplici cornici ma saranno una vera e propria fonte d’ispirazione per il gruppo di lettura, indirizzando la scelta dei testi su cui i partecipanti saranno invitati a confrontarsi nel corso degli incontri.

Let’s Read

È un ciclo di incontri per gruppi di lettura costituiti da giovani tra i 15 e i 29 anni, ma aperti a tutti. Nello spazio della mostra, in mezzo e accanto alle opere dellə artistə, Let’s Read propone un percorso di condivisione di pagine di letteratura e arte, un’occasione per pensare collettivamente, per discutere ed esprimere idee ed emozioni utilizzando i diversi strumenti e linguaggi della contemporaneità.

Per partecipare è necessario prenotare inviando una mail a biglietteria@fsrr.org con oggetto “Let’s Read”. Nel corpo della mail occorre specificare i dati di tutte le persone per cui si sta effettuando la prenotazione.

Archivio Eventi

19 Novembre 2021.

Un Borgo bello da vivere. Da Borgo a Polo Culturale: Guarene

Il 19 novembre, alle 17.30, a Palazzo Re Rebaudengo (Piazza Roma, 1, Guarene), si terrà un convegno organizzato da Confindustria nazionale, Confindustria Cuneo e Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.
Il titolo del convegno è “Un Borgo bello da vivere. Da Borgo a Polo Culturale: Guarene”.

Seconda tappa del percorso nazionale “Un borgo bello da vivere” promosso dal Gruppo Tecnico Cultura, in collaborazione con il Touring Club Italiano, per mettere al centro del dibattito alcune realtà di grande prestigio che, grazie alle condizioni infrastrutturali e logistiche, grazie alla vivacità culturale e all’identità storica, grazie ad un tessuto imprenditoriale attento ai modi di produrre e al rapporto con la comunità, sono borghi belli, attrattivi e attraenti, tutti da vivere.

A Guarene l’attenzione è puntata, in particolare, sull’evoluzione del borgo che, nel tempo, si è affermato come polo culturale, anche attraverso nuove forme di mecenatismo e di un’imprenditoria attenta a donare/restituire al proprio territorio e a considerare la cultura, non solo come un fattore di attrazione, ma anche di sviluppo economico. A fare da fil rouge uno sguardo puntato al futuro e amplificato dalla visione sperimentale e innovativa dell’arte contemporanea.

Interverranno Alberto Cirio, Presidente Regione Piemonte, Simone Manzone, Sindaco di Guarene, Maria Cristina Piovesana, Vice Presidente Confindustria per Ambiente, Sostenibilità e Cultura, Franco Iseppi, Presidente Touring Club Italiano, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, Presidente Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.

Si terranno, a seguire, i talk “Investire in cultura: un nuovo mecenatismo” con Giuseppina Amarelli, Presidente Amarelli Fabbrica della Liquirizia, Roberta Ceretto, Presidente Cantine Ceretto, Mauro Gola, Presidente Confindustria Cuneo, Bartolomeo Salomone, Presidente Ferrero, e “La cultura come fattore di attrazione e sviluppo” con Giuliana Cirio, Direttrice di Confindustria Cuneo, Pierluigi Vaccaneo, Direttore Fondazione Cesare Pavese, Paolo Verri, Direttore Esecutivo Ocean Race, Emiliano Cerasi, Amministratore Delegato sac.

Conclusioni di Antonio Alunni, Presidente Gruppo Tecnic Cultura Confindustria

Modera Nicoletta Polla Mattiot, Sole 24 ore

Ingresso libero fino ad esaurimento posti previa prenotazione a rsvp@fsrr.org
Cocktail a seguire

14 Novembre 2021.

Giornata Mondiale del Diabete 2021

Giornata Mondiale del Diabete 2021
14 Novembre 2021, ore 15-19

In occasione della Giornata Mondiale del Diabete 2021 la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, in collaborazione con il Centro di Diabetologia Pediatrica dell’Ospedale Infantile Regina Margherita diretto dalla Prof.ssa Luisa de Sanctis, il Dipartimento di Scienze di Sanità Pubblica e Pediatriche dell’Università di Torino e l’A.G.D. ONLUS (Associazione per l’Aiuto al Giovane Diabetico), sezione Piemonte e Valle d’Aosta, organizza un pomeriggio aperto d’incontro, visite alle mostre e laboratori dedicati a bambinə e ragazzə con diabete, alle loro famiglie e a chiunque sia interessato al tema del diabete.

Si potranno visitare le mostre Safe House, che indaga i temi della complicità e del fare gruppo, dell’essere visibili e invisibili mentre si agisce nel mondo, Stretching the Body, che invece racconta attraverso il medium della pittura il rapporto tra soggetto/ritratto e oggetto, e Neural Swamp, un’opera dell’artista Martine Syms che immerge lo spettatore nello spazio virtuale di una storia generata da un’intelligenza artificiale.

I temi delle opere saranno messi in gioco in diverse postazioni di laboratori creativi adatti a tutte le età e le abilità, per un pomeriggio di gioco, condivisione e scoperta.

Nel corso del pomeriggio, le famiglie potranno contare sulla presenza del team (medici, infermieri, dietista e psicologa) dei medici del Centro di Diabetologia Pediatrica dell’Ospedale Infantile Regina Margherita, per consigli e aggiornamenti sui percorsi di cura, e chiunque sia interessato potrà avvicinarsi a questa realtà fatta anche di ricerca e innovazione.

La Giornata Mondiale del Diabete, il cui tema è l’accesso alle cure, sarà anche l’occasione per presentare un percorso sperimentale di collaborazione tra Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e Ospedale Infantile Regina Margherita, in cui bambinə e ragazzə con diabete e le loro famiglie alterneranno incontri con lo psicopedagogista Gianermete Romani e attività di visite alle mostre e laboratori. Le opere d’arte contemporanea saranno una palestra in cui sperimentare la consapevolezza di sé, lo sguardo creativo, la capacità di trovare risposte inaspettate alle domande che la realtà ci pone.

Attività:
Foto di gruppo! Esplora le mostre Safe House, Neural Swamp e Stretching the Body alla ricerca di ispirazione per una speciale foto di gruppo. Procuratevi quello che serve per il vostro scatto e…. Sorridete ai giovani fotografi dell’Istituto Albe Steiner!

Io Manifesto. Quali sono le tue parole importanti? Sceglile con cura e stampale sul tuo manifesto, con i caratteri mobili dell’associazione Archivio Tipografico. Se porti con te una maglietta potrai stampare il tuo slogan per indossarlo quando vuoi.

Art Map. Una mappa piena di suggerimenti per visitare il museo divertendosi.

Ping-Pong Club @FSRR. Un torneo di ping-pong unico, da giocare nell’opera dell’artista Július Koller.

Informazioni
Le attività di laboratorio e le visite alla mostra sono gratuite per tuttə. Per informazioni accessibilita@fsrr.org o 0113797631.
Per accedere agli spazi della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo è obbligatorio indossare la mascherina e esibire il Green Pass.

28 Ottobre 2021.

ANGELA MERKEL. La donna che ha cambiato la storia

Il 28 ottobre, alle 18.30, nell’Auditorium della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Massimo Nava presenta “Angela Merkel. La donna che ha cambiato la storia” (Rizzoli).
Dialogano con l’autore Piero Fassino e Vittorio Sabadin.

Ingresso libero. Prenotazione obbligatoria mandando una mail a rsvp@fsrr.org

La vita pubblica di Angela Merkel è una delle più documentate al mondo, ma si sa molto poco della storia personale. Occorre scavare nei primi trent’anni vissuti nella Germania comunista e utilizzare quanto lei ha accettato di raccontare: l’educazione protestante, la giovinezza nella nube grigia della dittatura, la formazione scientifica, l’amore per la libertà. E ancora oggi il rispetto della sua privacy è assoluto, cementato dalla fedeltà di amici e collaboratori. Per questo la cancelliera appassiona i biografi, che per venire a capo dell’enigma della sua vita devono giocare diversi ruoli: un po’ cronisti e un po’ storici, un po’ psicologi e un po’ narratori.
“Destino e carattere influenzano la storia di ogni individuo. Nel caso dei leader, si sommano alla capacità di andare oltre il quotidiano, di diventare visionari senza essere ingenui” scrive Massimo Nava, che in questo libro racconta la vita di una donna eccezionale, protagonista assoluta della storia recente d’Europa. Spesso indispensabile, talvolta contestata, mai sconfitta.
Nessun leader di Paesi democratici ha resistito più di lei all’usura del tempo e alla stanchezza fisiologica dell’elettorato. Alle emergenze che hanno scandito i suoi sedici anni alla guida della Germania – la crisi dei debiti sovrani, il caos finanziario della Grecia, le ondate migratorie, la crisi ambientale, il terrorismo internazionale e la pandemia – Angela Merkel ha risposto tenendo insieme in un delicato equilibrio interessi tedeschi e ideali europei; e in circostanze eccezionali ha agito d’impulso, come se la spinta morale avesse il sopravvento sulla prudenza. Nel 2015, per esempio, ha aperto le porte della Germania a centinaia di migliaia di migranti in fuga dalla guerra in Siria. Da decenni la sua personalità è descritta senza sfumature: razionale, monotona, in sintonia con il luogo comune della Germania ordinata, programmata, prevedibile.
Il racconto appassionato di Massimo Nava ci mostra però che la verità è diversa, più articolata. Nel maggio del 2019, intervenendo davanti a ventimila laureandi dell’Università di Harvard, ha detto: “Continuate a chiedervi: sto facendo questo perché è giusto o solo perché è possibile? Ricordate, l’apertura comporta sempre dei rischi. Per iniziare qualcosa di nuovo è necessario lasciare andare il vecchio. E soprattutto, nulla deve essere dato per scontato, tutto è possibile”.

——

MASSIMO NAVA è editorialista del “Corriere della Sera”, dopo essere stato corrispondente da Parigi e inviato sui principali avvenimenti italiani e internazionali, fra cui la mafia, gli anni di piombo, il terrorismo, la caduta del Muro di Berlino, le guerre in Somalia, ex Jugoslavia e Iraq, il genocidio in Ruanda, i massacri a Timor Est, la rivoluzione in Indonesia. È autore di numerosi saggi tra cui Germania-Germania (Mondadori 1990), Kosovo: c’ero anch’io (Rizzoli 1999), Milosevic, la tragedia di un popolo (Rizzoli 1999), Vittime. Storie di guerra sul fronte della pace (Fazi 2005), Il francese di ferro. Sarkozy e la sfida della nuova Francia (Einaudi 2007, tradotto anche in Francia). Nel 2009 ha pubblicato La gloria è il sole dei morti (Ponte alle Grazie), sull’avventurosa vita dei fratelli Bixio e, nel 2011, Il garibaldino che fece il Corriere della Sera (Rizzoli), sulla vita del fondatore Eugenio Torelli Viollier e Storia della Germania dopo il Muro (Rizzoli-Bur 2019). È anche autore di numerosi romanzi, tra i quali: Infinito amore (Mondadori 2014), Il mercante di quadri scomparsi (Mondadori 2016) e Il boss è immortale (Mondadori 2018).

15 Ottobre 2021.

Memory Matters. Itinerari guidati

Memory Matters
Itinerari guidati

Arco monumentale all’Arma di Artiglieria, Parco del Valentino

Venerdì 15 ottobre, Ore 15

Sabato 16 ottobre, Ore 11 e ore 16

Domenica 17 ottobre, Ore 11 e ore 16

Il progetto propone una riflessione sulla memoria nello spazio pubblico attraverso una serie di interventi artistici nel Parco del Valentino. Il percorso guidato esplora il parco come spazio dove la memoria collettiva si confronta con monumenti e storie invisibili, con processi di costruzione dell’identità nazionale e con il passato coloniale.

Prenotazioni su biglietteria@fsrr.org

Memory Matters è un progetto di Biennale Democrazia e Fondazione Sandretto Re Rebaudengo in collaborazione con Black History Month Florence

09 Ottobre 2021.

NATURALE, UMANA, POSTUMANA: UNA MEMORIA RINNOVATA

Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e Biennale Democrazia in collaborazione con Black History Month Florence presentano Memory Matters. Il progetto propone una riflessione sulla memoria collettiva nello spazio pubblico attraverso un progetto espositivo diffuso nel Parco del Valentino e un ciclo di incontri ospitato nel programma di Biennale Democrazia 2021. Il progetto Memory Matters è parte di VERSO, programma realizzato con l’Assessorato alle Politiche Giovanili della Regione Piemonte, nell’ambito del Fondo nazionale per le politiche giovanili.

sabato 9 ottobre, ore 18.00 Complesso Aldo Moro, Piazzale Aldo Moro, Aula 1

NATURALE, UMANA, POSTUMANA: UNA MEMORIA RINNOVATA
Leone Contini, Federica Timeto, Andreas Weber
coordina Vittorio Martone

Le memorie collettive sono il frutto della selezione – solo apparentemente spontanea e quasi sempre oggetto di aspra contesa – compiuta da ogni collettività, all’interno dello sterminato bacino del suo repertorio storico. Per questa stessa ragione, le memorie sono sempre in movimento: si rinnovano quando cambiano gli immaginari sociali e le relazioni di potere. È importante domandarsi allora quali saranno le nuove frontiere della memoria, con il venir meno delle rigide distinzioni tra umano e animale, culturale e naturale, organico e meccanico, fisico e informazionale. Di quali nuove memorie sono portatori i nuovi immaginari?

PRENOTA IL TUO POSTO
qui

?>