Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

CARTA IN-CANTA

24 maggio 2016 @ 18:00 - 29 maggio 2016 @ 19:00

CARTA IN-CANTA
600 SCULTURE DI CARTA DEI BAMBINI DI MUS-E IN UN AMBIENTE CREATO DALL’ARTISTA MARIO AIRO’

Inaugurazione martedì 24 maggio ore 18
Seguirà aperitivo nella caffetteria Spazio7
RSVP entro il 17 maggio a 011 658597 mus-e.torino@libero.it o 011 3797602 rsvp@fsrr.org

La mostra rimarrà aperta dal 25 al 29 maggio 2016

Nel 2016 Yehudi Menuhin, nato il 22 aprile 1916, avrebbe compiuto 100 anni. Mus-e Italia ha voluto ricordare, in collaborazione con la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e all’Associazione Mus-e Torino Onlus, il centenario della nascita del fondatore del progetto Mus-e con un grande evento sull’arte figurativa che ha coinvolto diverse sedi italiane: 34 classi per un totale di 12 città. I bambini, con l’aiuto degli artisti Mus-e, hanno realizzato origami e sculture utilizzando fogli di carta musicale che hanno personalizzato con parole, note, segni, colori.
“Carta in-canta”, questo il nome del progetto, perché i fogli sono pentagrammi dove ogni tratto può assumere il valore di una nota e, quindi, di un ideale canto corale. 600 origami, migliaia di segni, infinite melodie immaginate che hanno trovato un’anima grazie all’opera di Mario Airò, poliedrico artista ed esploratore di linguaggi mediali, che ha accettato di “giocare” con Mus-e apprezzandone lo spirito solidale e visionario.

Mus-e (Musique Europe) è un progetto culturale dedicato alle scuole primarie dove si riscontrano criticità innescate da fattori diversi quali la presenza multietnica, il disagio sociale e la disabilità. Si propone di contrastare, attraverso laboratori artistici, le disuguaglianze e l’intolleranza a partire dai più piccoli, individuando nelle differenze culturali una ricchezza e un’occasione preziosa per educare alla conoscenza ed al rispetto reciproco.
L’obiettivo è promuovere la relazione, la socializzazione e lo scambio di esperienze, utilizzando uno strumento inconsueto e delicato qual è l’arte, nelle sue diverse forme espressive.
Mus-e è stato ideato da Yehudi Menuhin, celebre violinista e direttore d’orchestra che nel 1991 istituì a Bruxelles la Fondazione che porta il suo nome (International Yehudi Menuhin Foundation) e dette vita, nel 1994, al progetto Mus-e divulgando in Europa e nel mondo un nuovo modo di pensare la scuola e la didattica attraverso l’arte.
Oggi Mus-e è presente in diversi paesi europei e in Israele; in Italia coinvolge molte realtà, da Napoli a Torino: oltre 150 scuole, circa 500 classi, 12.000 bambini. I laboratori sono gratuiti, con incontri settimanali durante le ore curriculari nell’arco di tutto l’anno scolastico e si sviluppano in una stessa classe per la durata di 3 anni, con attività dove si sperimentano diversi linguaggi artistici quali la musica, le arti figurative, l’espressione corporea, il teatro, il mimo.

“Quando qualcuno canta con l’anima, cura il suo mondo interiore. Quando più persone cantano con l’anima e si uniscono nella musica, curano anche il mondo esterno.” Y. Menuhin, febbraio 1999

Yehudi Menuhin è colui cui si deve l’intuizione e la volontà di dar vita ad un progetto assolutamente unico ed originale, incentrato sul tema dell’arte come strumento per l’integrazione: Mus-e, acronimo di Musique Europe.
Menuhin (New York 1916 – Berlino 1999), musicista e direttore d’orchestra, uomo di straordinaria sensibilità e apertura mentale, esploratore di nuovi linguaggi musicali e contaminatore di culture e discipline artistiche, ha voluto tracciare una linea che puntasse al futuro, lavorando per una società migliore, per una umanità migliore, capace di incantarsi e trarre ispirazione dalla bellezza. Una bellezza da scoprire e coltivare ogni giorno, a cominciare dai bambini.
Nato nel 1916 a New York da una famiglia di origine ebraica, ha improntato la sua vita totalmente alla musica e all’arte e all’idea di un sentimento di apertura e fiducia verso l’altro: “io posso utilizzare il mio corpo, ne faccio un’opera d’arte; ho delle doti, in tutti i sensi; le conosco in me e posso apprezzare quelle altrui; posso fare cose bellissime con gli altri”.
In queste parole è racchiuso il senso profondo dell’impegno di Menuhin come cittadino del mondo, come messaggero di pace e speranza, praticato lungo tutto l’arco della sua vita.
Alimentare il suo sogno, renderlo vivo nella quotidianità, è ciò che Mus-e cerca di fare attraverso i quasi 1000 laboratori attivati nelle scuole di tutt’Italia.

Dettagli

Inizio:
24 maggio 2016 @ 18:00
Fine:
29 maggio 2016 @ 19:00