Educazione

Insegnanti

PROGETTI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO | ANNO SCOLASTICO 2021/2022

Insegnanti

PROGETTI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO | ANNO SCOLASTICO 2021/2022

Per l’anno scolastico 2021\2022 i progetti per le Scuole Secondarie Superiori sono legati a Verso, il progetto della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, curato e prodotto con l’Assessorato alle Politiche Giovanili della Regione Piemonte, nell’ambito del Fondo nazionale per le politiche giovanili, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale.
Verso è un programma di mostre, workshop, incontri, visite e conferenze dedicato ai giovani e alle giovani dai 15 ai 29 anni della Regione Piemonte. Il progetto si sviluppa fino a luglio 2022 e identifica nella fascia d’età tra i 15 e i 29 anni il proprio interlocutore, costituito da soggetti che sono coinvolti nella attività in quanto produttori e destinatari. Verso si snoda in quattro stagioni tematiche che approfondiscono prospettive sugli argomenti generali, costruendo grammatiche e strumenti per affrontare le urgenze giovanili da un punto di vista politico.

Le attività legate al progetto Verso sono tutte gratuite per le scuole Secondarie di Secondo Grado. Si configurano come progetti di educazione civica e PCTO e sono:

• visite e laboratori
• workshop condotti da attivisti e artisti
• conversazioni con artisti e esperti
• materiali digitali di approfondimento e partecipazione

Tutti i dettagli sono di seguito, oppure potete scaricare un pdf a questo link: Verso per le Scuole Secondarie di Secondo Grado

VISITA\LABORATORIO
Le visite\laboratorio sono incontri di un solo appuntamento, della durata di circa 2 ore. L’esperienza si
articola in visita alla mostra e successiva rielaborazione laboratoriale – individuale o collettiva – dei temi.
La visita alla mostra si fonda sul metodo della mediazione culturale d’arte: dialogica e personale.
Il laboratorio, a scelta tra quelli proposti, si svolge direttamente negli spazi espositivi, pensati come luoghi in cui le opere convivono con i corpi, i pensieri con le azioni. Alcune attività possono svolgersi in modalità on-line o a scuola. Sono disponibili su appuntamento per tutte le classi, concordando data e ora, dal lunedì al venerdì. Le attività possono essere svolte in orario scolastico o extra scolastico, da un gruppo-classe o interclasse. Consigliamo di partecipare a un appuntamento di visita\laboratorio per ciascuna mostra, in modo da poter costruire con la classe un percorso organico e completo.
L’elenco delle visite\laboratorio verrà aggiornato continuamente e pubblicato sul sito di Verso nella
sezione Calendario.
https://verso.fsrr.org/calendario/
Le attività possono rientrare nei PCTO, da attivare attraverso la firma di un Protocollo scolastico.

Le attività possono essere prenotate via mail scrivendo a dip.educativo@fsrr.org o telefonicamente al
011/37.97.631 dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 18.00.

PROPOSTE DI LABORATORIO ATTIVE
Posizionamenti
Il laboratorio propone una serie di giochi performativi da svolgere direttamente nelle sale del museo, a
stretto contatto le opere d’arte, per riflettere sul complesso rapporto tra l’individuo e la collettività, tra la
comunicazione e l’isolamento. Prendere posizione, difendere la propria posizione, negoziare tra posizioni differenti, e uscire da una logica esclusivamente binaria, sono gli obbiettivi del laboratorio.

Il glossario: A come Assemblea
Il laboratorio parte dall’esplorazione con la classe del video glossario di Verso: una cassetta degli attrezzi da costruire, condividere e difendere. Le parole vengono attivate attraverso la discussione, e la realizzazione di personali abbecedari realizzati con la tecnica serigrafica. L’attività si può svolgere in Fondazione, a seguito della visita alla mostra, o in classe.
https://verso.fsrr.org/glossario/

Passeggiata Memory Matters
Dall’11 al 29 ottobre, in occasione della mostra Memory Matters, proponiamo un percorso guidato nel Parco del Valentino. L’itinerario, di circa due ore, si sofferma in particolare sulle opere installate nello spazio pubblico, in stretto dialogo con le tracce visibili e invisibili della nostra storia. La passeggiata sonora dell’artista Alessandra Ferrini disegna il percorso partendo da una domanda: che ingredienti servono per costruire una nazione, un’identità collettiva? Per includere e escludere, unire e dividere?


WORKSHOP
I workshop sono momenti di approfondimento teorico e pratico su temi specifici, sono guidati da un
artista o da un esperto e sono in numero limitato. Hanno durata variabile, a partire da un minimo di due
incontri, e sono da concordare con il Dipartimento Educativo motivando la richiesta di adesione della
classe o del gruppo. Sono rivolti a giovani tra il 15 e i 29 anni, è incentivata la partecipazione anche individuale per la costituzione di gruppi intergenerazionali. Si svolgono in modalità on-line e in presenza in Fondazione o in sedi scolastiche e accademiche della Regione.
L’elenco dei workshop verrà aggiornato continuamente e pubblicato sul sito di Verso nella sezione Calendario. Le attività possono essere prenotate via mail scrivendo a dip.educativo@fsrr.org o telefonicamente al 011/37.97.631 dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 18.00.

PROPOSTE DI WORKSHOP ATTIVE
Tra due rive straniere
Workshop di ricerca e produzione dell’artista Alessandra Ferrini, con la ricercatrice e attivista Mackda Ghebremariam Tesfau, per riflettere sulle tracce visibili e invisibili del colonialismo nello spazio pubblico. Il workshop parte dall’analisi dell’archivio dell’artista per arrivare alla produzione di un podcast.
(Workshop non più disponibile)

Workshop con l’associazione Deina
Deina APS (dal greco deinós, cioè la stupefacente capacità degli esseri umani di essere terribili e allo
stesso tempo meravigliosi, di costruire e di distruggere) è un’associazione di promozione sociale, che
sviluppa e realizza progetti di educazione alla cittadinanza. I temi della memoria, della cittadinanza
digitale e del rapporto tra uomo e ambiente sono declinati in workshop, pensati per supportare l’insegnamento dell’educazione civica. Il percorso prevede anche un incontro di mediazione di alcune opere d’arte contemporanea che affrontato in modo diretto questi temi.
Modalità: 2/3 incontri di due ore in presenza o on-line + lavoro autonomo in classe.
https://www.deina.it/chiedimi-dove-andiamo

Scioglilingua. Una palestra di parole nuove
Workshop teorico e pratico in collaborazione con l’associazione Archivio Tipografico per dare voce
e corpo a pensieri collettivi. Partiremo dal Glossario di Verso e costruiremo un Tazebao: un muro che
nasce come “quotidiano pubblico” e che finisce poi per diventare spazio di discussione aperto sotto
forma di interventi scritti, che si stratificano e si sovrappongono. È possibile far lavorare più classi allo
stesso Tazebao, per favorire il dialogo tra gruppi diversi.
Modalità: 2 incontri di due ore in presenza in Fondazione (anche nello spazio esterno) e/o a scuola.
https://archiviotipografico.it/it-IT

In My Little Corner of the World, Anyone Would Love You
Workshop in collaborazione con Elena Maria Olivero (danza e arte terapeuta di associazione “è”) che
pone in dialogo l’espressività del corpo in movimento e l’arte contemporanea per leggere il nostro presente. Il titolo ricalca quello di un’opera di Sharon Hayes, che riflette sul cambiamento – personale
e collettivo – attraverso lo svelamento e la condivisione di desideri e fragilità che sfidano i pregiudizi.
Consigliata la visita alle mostre Burning Speech e Safe House.
Modalità: 3 incontri di due ore in presenza o on-line + performance.
http://www.eassociazione.org/

Arte a occhi chiusi
Rendere accessibile a chi non vede un’opera d’arte è un compito che richiede abilità diverse: osservazione attenta, descrizione precisa, comunicazione efficace. Arte a occhi chiusi è un workshop per progettare e realizzare strumenti per l’accessibilità al Patrimonio Culturale, attivando l’intera macchina percettiva che è il nostro corpo. I materiali realizzati saranno utilizzati per la mediazione delle opere d’arte in Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. In collaborazione con Tactile Vision Onlus e Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti.
Modalità: 3 incontri di circa due ore, in presenza e/o on-line + lavoro di ricerca e produzione tra un
incontro e l’altro.

Tuttə diversə , tuttə ugualə
Chi sono io? Chi sono lə altrə? Quali sono le parole per definire noi stessə e questa realtà liquida in cui viviamo? Il workshop sarà condotto dalla ricercatrice Eleonora Marocchini che, attraverso la propria esperienza personale, professionale e di influencer, chiarirà i termini complessi dei meccanismi dell’autodefinizione e della costruzione di identità, passando attraverso le diversità di genere e gli stereotipi della disabilità.
Modalità: 2 incontri di due ore in presenza o on-line + materiali di approfondimento in classe.

You as me / Flag
YOU AS ME / Flag è un workshop e una performance collettiva on-line, ideata dall’artista Irene Pittatore, che concentra l’attenzione su un tessuto universale di identificazione e segnalazione, la bandiera, riflettendo sulla sua forza evocativa, sul bisogno di appartenenza che raccoglie e sulle rivendicazioni di cui è oggetto.
Modalità: 2 incontri on-line di tre ore + performance on-line pubblica.
https://irenepittatore.it/you-as-me-flag/

I-Stanza: musica partecipativa nell’epoca della lontananza dai luoghi di partecipazione.
Workshop di Enrico Gabrielli (musicista, compositore, fondatore della collana discografica 19’40’’). Il titolo gioca sul concetto di istanza politica e di stanza come luogo intimo. Ogni partecipante sarà coinvolto in qualità di esecutore con una sua specifica partitura (fatta di suoni, immagini e parole), in una performance che sfrutta le potenzialità della piattaforma per conferenze online come spazio visivo e concettuale dell’esecuzione. L’idea è quella della stanza virtuale in cui incontrarsi, riflettendo sui concetti di maschera e distanza e sui nuovi significati che assumono rispetto a una condivisione e produzione collettiva.
Consigliata la visita alla mostra Neural Swamp di Martine Syms.
Modalità: 2 incontri di due ore più performance on-line.


CONVERSAZIONI
Le conversazioni sono incontri pubblici con attivisti e esperti per l’approfondimento delle tematiche di Verso. La piattaforma digitale Instagram ospita in modalità streaming le conversazioni, pensate per attivare percorsi di condivisione e conoscenza innovativi. Alcune conversazioni saranno dedicate appositamente al pubblico scolastico.
Razzismo nel linguaggio e linguaggio antirazzista La finestra di Overton


STRUMENTI DIGITALI
https://verso.fsrr.org/
https://www.instagram.com/verso.mag/

Box digitale
Contiene materiali utili all’approfondimento dei temi e allo sviluppo di attività in classe e di studio, anche ai fini dei PCTO: podcast, video, link a progetti esterni di educazione civica, bibliografia, carte per il dibattito, schede di laboratorio e questionario. È pensata per attivare la partecipazione e raccogliere i risultati del percorso. Sarà scaricabile dal sito di Verso.

Programma Educativo

Memory Matters: mostra diffusa al Parco del Valentino

Programma Educativo

Memory Matters: mostra diffusa al Parco del Valentino

Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e Biennale Democrazia in collaborazione con Black History Month Florence presentano Memory Matters.
Il progetto propone una riflessione sulla memoria collettiva nello spazio pubblico attraverso un progetto espositivo diffuso nel Parco del Valentino e un ciclo di panel presentato all’interno del ricco programma discorsivo di Biennale Democrazia.
La storia del Parco del Valentino, i simboli e i monumenti che ancora oggi lo abitano sono oggetto di un’indagine svolta da quattro interventi artistici appositamente commissionati allə artistə Leone Contini, Adji Dieye, Alessandra Ferrini e Muna Mussie. Attraverso differenti prospettive il parco, sede delle esposizioni internazionali e nazionali dal 1884, viene interrogato come spazio storico e simbolico dove viene costruita una narrazione identitaria della nazione, in stretta connessione con il passato coloniale italiano.
Memory Matters rientra nel contesto di Verso, programma progettato e prodotto con l’Assessorato alle Politiche Giovanili della Regione Piemonte, nell’ambito del Fondo nazionale per le politiche giovanili.

Memory Matters. Passeggiata culturale per le scuole secondarie di secondo grado
La passeggiata culturale è un percorso guidato nel Parco del Valentino alla scoperta del progetto Memory Matters. Le classi aderenti all’iniziativa saranno accompagnate da unə mediatorə culturale d’arte della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. La passeggiata propone il parco come spazio dove la memoria collettiva si confronta con i processi di costruzione di un’identità nazionale e con il passato coloniale italiano. L’itinerario, di circa un’ora e trenta, si sofferma in particolare sulle opere delle artiste e artisti Leone Contini, Adji Dieye e Muna Mussie, installate nello spazio pubblico, in stretto dialogo con le tracce visibili e invisibili della nostra storia. L’audio walk (passeggiata sonora) dell’artista Alessandra Ferrini disegna il percorso a tappe, alternando momenti di ascolto individuale, analisi delle opere e conversazione collettiva. Sarà consegnata a ogni studentə una mappa del percorso nel parco corredata di immagini e testi.

Info e prenotazioni
Partecipazione gratuita dall’11 al 29 ottobre, fino a esaurimento posti
Quando: dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 11.30 e dalle 14.00 alle 15.30.
Dove: inizio del percorso presso l’arco monumentale all’Arma di Artiglieria, Parco del Valentino
La passeggiata può essere prenotata via mail scrivendo a dip.educativo@fsrr.org o telefonicamente al 011/37.97.631 dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 18.00.

DIBATTITI all’interno del programma di Biennale Democrazia:

Giovedì 7 ottobre
Auditorium Fondazione Sandretto Re Rebaudengo
ore 18
ITALIANE NERE: IL GENERE ALL’INTERSEZIONE DELLE DIFFERENZE
Rachele Borghi, Fartun Mohamed, Marie Moïse, Muna Mussie
coordina Luisa Passerini
in collaborazione con Black History Month Florence
Un itinerario che riunisce competenze diverse, dall’arte alla storia, alla geografia e agli studi postcoloniali e decoloniali.
L’intento è di collocare il tema del genere in un contesto di riflessioni critiche ed esperienze personali che riflettano la molteplicità delle differenze. Non solo colore e razza, classe, età, approccio disciplinare, ma anche diversità delle forme di attivismo politico e culturale. In una prospettiva transnazionale, ma con particolare attenzione alla storia italiana e ai suoi silenzi, oblii e deformazioni.

venerdì 8 ottobre
ore 18.00
Complesso Aldo Moro | Piazzale Aldo Moro
Aula 1
RIATTIVARE LA MEMORIA: TRACCE SCOMODE E NUOVI SIGNIFICATI
Alessandra Ferrini, Justin Randolph Thompson, Nadeesha Uyangoda
coordina Simona Forti
in collaborazione con Black History Month Florence
Prendendo in considerazione come la colonialità condizioni i modi di vedere, pensare ed essere nel presente, la discussione propone strategie per interrompere, contrastare, criticare e decostruire tale paradigma. Si tratta di riflettere sui modi in cui la responsabilità civile e
quella storica possano essere promosse attraverso pratiche artistiche, curatoriali e di scrittura che si traducano nell’esposizione, nella sfida e nella risignificazione del “difficile patrimonio” storico, sia tangibile sia intangibile.

sabato 9 ottobre
ore 18.00
Complesso Aldo Moro | Piazzale Aldo Moro
Aula 1
NATURALE, UMANA, POSTUMANA: UNA MEMORIA RINNOVATA
Leone Contini, Federica Timeto, Andreas Weber
coordina Vittorio Martone
in collaborazione con Black History Month Florence
Le memorie collettive sono il frutto della selezione – solo apparentemente spontanea e quasi sempre oggetto di aspra contesa – compiuta da ogni collettività, all’interno dello sterminato bacino del
suo repertorio storico. Per questa stessa ragione, le memorie sono sempre in movimento: si rinnovano quando cambiano gli immaginari sociali e le relazioni di potere. È importante domandarsi allora quali saranno le nuove frontiere della memoria, con il venir meno delle rigide
distinzioni tra umano e animale, culturale e naturale, organico e meccanico, fisico e informazionale. Di quali nuove memorie sono portatori i nuovi immaginari?

 

biennaledemocrazia.it
verso.fsrr.org

Memory Matters
Programma Educativo

Try This At Home | Strumenti per la Didattica

Programma Educativo

Try This At Home | Strumenti per la Didattica

In questi giorni in cui le prospettive cambiano e si evolvono rapidamente, sentiamo la necessità di parlarvi in modo diverso, provando come meglio possiamo a mantenere un legame e a garantire un servizio. Crediamo che l’arte contemporanea possa essere uno strumento per leggere il mondo di oggi, la sua complessità e le sue trasformazioni: vogliamo continuare a rendere possibile tutto questo, e lo vogliamo fare restando in ascolto delle reali esigenze della scuola, mettendo a disposizione competenze e contenuti, riuniti sotto al titolo Try this at home: “prova a farlo a casa”. Ecco come.

I Speak Contemporary: avvicinarsi all’arte con la lingua inglese.
I Speak Contemporary è un progetto a cura del Dipartimento educativo della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, nell’ambito del Progetto Diderot, realizzato dalla Fondazione CRT, che nasce per creare uno strumento di e-learning aperto a tutti, che avvicini ai linguaggi dell’arte contemporanea, proponendo i suoi contenuti sia in italiano che in inglese. Una serie di post sulla pagina Instagram della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (@fondazionesandretto) e sulla pagina Instagram I Speak Contemporary (@ispeakcontemporary) propongono ogni settimana una selezione di contenuti curati e pensati per la fruizione da casa di insegnanti e studenti di tutte le fasce di età e tipologie di scuole: video lezioni, laboratori, interviste e approfondimenti. Vi invitiamo a scoprire il mondo di I Speak Contemporary sul sito interamente dedicato al progetto:
www.Ispeakcontemporary.org

Art at Times: l’arte a volte è.
Un altro strumento che ci fa piacere mettere a disposizione è l’e-book Art at Times: una mappa interattiva per esplorare il mondo dell’arte contemporanea, disponibile in italiano e in inglese. Qui trovate una breve presentazione: https://vimeo.com/338395971
Ogni linguaggio artistico viene raccontato grazie a una selezione di artisti e opere che lo rappresentano: dalla pittura al video, dalla fotografia alla performance, passando per il suono e i nuovi media. Ogni opera ha una sua scheda descrittiva, completa di immagini, link, video, interviste, contributi audio e un glossario, utile per chiarire la terminologia specifica. https://www.ispeakcontemporary.org/ebook
Grazie all’e-book Art at Times si scopre per esempio, come l’arte contemporanea possa raccontare una storia, essere politica, rubare, mischiare tutto o essere un’idea. Si può trovare inoltre un focus sull’architettura dei musei (Art at Times… is a museum) e uno sulle professioni, realizzato grazie allo staff della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, i cui membri hanno descritto il loro lavoro in una serie di brevi video interviste (Art at Times… is a job).
Stiamo aggiornando l’e-book pensando in modo ancora più specifico alle necessità di chi in questo momento sta insegnando e imparando a distanza, creando nuove schede di laboratorio, ispirate ad altrettanti artisti, tra i più interessanti e riconosciuti nel panorama dell’arte moderna e contemporanea. Tra questi: Tony Cragg, Pierre Huyghe & Philippe Parreno, Monster Chetwynd, Berlinde De Bruyckere, Kurt Schwitters, Christian Marclay, Franz Erhard Walther. Alcune delle proposte di laboratorio che troverete nelle schede sono: diventare sculture viventi, ispirandosi alle One Minute Sculptures di Erwin Wurm; dipingere un ritratto al giorno come Ragnar Kjartansson al Padiglione Islanda della Biennale di Venezia del 2009 o raccogliere il maggior numero possibile di immagini di orologi, e riflettere sul concetto di tempo, come ha fatto Christian Marclay con la sua monumentale opera The Clock.

Restare in ascolto per noi significa anche avere la possibilità di vedere come questi strumenti possano essere utilizzati e reinventati dalle persone che seguono il nostro lavoro. Se vi fa piacere, condividete con noi feedback, documentazione, storie e racconti suscitati dall’incontro con I Speak Contemporary e l’e-book Art at Times, utilizzando l’hashtag #TryThisAtHome su Instagram, Facebook e Twitter.

Ecco le nuove schede di laboratorio, pensate per essere utilizzate per l’Home Schooling. Speriamo possano essere uno strumento utile per gli insegnanti e per gli studenti.


Sculture di un minuto_Erwin Wurm
Tutti sottocoperta_Berlinde De Bruyckere
Missione scultura_Tony Cragg
Merzbau_Kurt Schwitters
Play objects_Franz Erhard Walther
La natura morta_Adrian Villar Rojas
Se fossi un fiore_Tobias Rehberger
Tic Tac_Christian Marclay
Ti presento Annlee_Huyghe Parreno
Un ritratto al giorno_Ragnar Kjartansson
Strane storie di animali_Monster Chetwynd

 

Prova anche le nostre schede gioco semplificate, le trovi nella sezione Accessibilità