House of Displacement

House of Displacement
a cura di CampoBase

dal 3 al 6 ottobre 2019

House of Displacement è un festival di quattro giorni curato da CampoBase che ha luogo a Torino, dal 3 al 6 ottobre. Il programma affronta il tema del displacement, inteso come esperienza contemporanea condivisa, adottando un approccio immersivo e partecipativo. House of Displacement è il progetto conclusivo del corso per curatori Campo18 promosso dalla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo con il sostegno della Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT.

Il termine displacement, in italiano “dislocamento”, definisce lo spostamento di un corpo da un punto all’altro dello spazio. Negli ultimi anni è stato utilizzato per descrivere una condizione complessa e stratificata, legata alle disfunzioni delle società capitaliste avanzate, sia con riferimento ai flussi turistici e migratori e ai connessi fenomeni di gentrificazione, sia nei suoi connotati psicologici e sociali di estraniazione.
Il paradigma neoliberale nella sua dimensione globalizzata ha creato una concezione di spazio in cui il passaggio di confini, la circolazione dei flussi di oggetti, individui e informazioni sono strettamente regolamentati. Ciascun aspetto della vita contemporanea − la società, la scienza, la tecnologia e la natura stessa − è sempre più definito dal movimento e dalla mobilità umana.
Ciò ha ripercussioni profonde sul nostro modo di stare nel mondo che si sviluppa attraverso traiettorie non lineari e precarie dal punto di vista affettivo, economico, di genere, oltre che geografico.

Come orientarci in un contesto in continuo cambiamento? In che modo vedere la questione del displacement come un’opportunità di azione e non un fattore limitante?

House of Displacement crea una piattaforma temporanea che mira a esplorare collettivamente nuovi modi di abitare il displacement, attraverso un approccio non gerarchico tra processo di insegnamento teorico e ricerca artistica. Il progetto costruisce il paradosso di una casa dislocata, associando due parole contraddittorie: da una parte “house”, intesa come struttura solida da abitare; dall’altra “displacement” che fa riferimento a uno stato di instabilità e movimento. Nei quattro giorni di interventi artistici, performativi e incontri teorici, il pubblico è invitato a vivere e sperimentare questa condizione in diversi luoghi della città, nella convinzione che ogni spostamento produce un effetto di conoscenza.

Piuttosto che cercare soluzioni immediate o progettare un possibile equilibrio, il festival è un modo per concentrarsi sulla diversità di tattiche che scaturiscono dalla cooperazione degli individui in una comunità, e sulle potenzialità che un corpo collettivo contiene e che si dispiegano appieno quando esso diventa movimento.

House of Displacement è un progetto di CampoBase.

CampoBase è uno spazio temporaneo e in trasformazione fondato nel 2019 dal collettivo curatoriale composto dai partecipanti di Campo18, corso per curatori della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Lo spazio è inteso come un luogo di possibilità per l’attivazione di processi collettivi di conoscenza, attraverso la creazione di un ambiente aperto che favorisce occasioni pubbliche di incontro, confronto e dialogo. CampoBase predilige pratiche discorsive e approcci sperimentali. La programmazione alterna workshop, eventi, progetti espositivi e format quali crit, screening e focus.

Programma:

giovedì 3 ottobre

ore 19:00
opening exhibition
Do Nothing Club – Alessio Mazzaro e Fiona Winning
CampoBase, via Reggio 14

ore 19:00
opening exhibition
How far should I go to explode? (Act I) – Lucia Cristiani
CampoBase, via Reggio 14

venerdì 4 ottobre

ore 18:00
talk
Spazio Simbolico, Prospettico, Moderno, Post-moderno, Neo-medievale – Tommaso Guariento
Tram di Progetto Diogene – Rotonda C.so R. Parco / C.so Verona

ore 21:00
opening exhibition
Anyone lived in a pretty how town – GAPS
Monomono bar, via Reggio 4

sabato 5 ottobre

ore 11:00
performance
The Party Wall – Corinne Mazzoli in collaborazione con Ilaria Salvagno
da CampoBase a Porta Palazzo

ore 18:00
talk
Abitare Illegale – Andrea Staid, Matteo Meschiari
Tram di Progetto Diogene – Rotonda C.so R. Parco / C.so Verona

ore 19:30
performance
How far should I go to explode? (Act II) – Lucia Cristiani
Secret Location / ritrovo a CampoBase

domenica 6 ottobre

ore 10:00 – 16:00
opening exhibition
Modelli Abitativi per una Vita Difficile – Vanessa Alessi
Location tba

ore 17:00
talk
KABUL magazine ft. CampoBase – KABUL
Tram di Progetto Diogene – Rotonda C.so R. Parco / C.so Verona

ore 19:00
performance
00:00:02:50 show – Jacopo Foglietti
Imbarchino, Parco del Valentino

////////

INFO

House of Displacement

CampoBase
Via Reggio, 14 Torino
https://campobase.cargo.site/
campobase18@gmail.com

Ufficio Stampa CampoBase:
Federica Torgano | 347 63 67 698
Irene Angenica | 333 13 02 652
campobase18@gmail.com

MAIN PARTNERS
Fondazione Sandretto Re Rebaudengo
Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT

MEDIA PARTNER
Arshake

TECHNICAL PARTNERS
Progetto Diogene
Monomono bar
Imbarchino del Valentino
Radio Banda Larga