GIORGIO BARBERO, mostra personale | dal 27 al 30 settembre

GIORGIO BARBERO, mostra personale
a cura di Tea Taramino e Alessia Panfili di Forme in bilico

27 settembre – 30 settembre 2018

“Nella mia pittura rappresento satelliti spaziali, galassie ai confini del cosmo, momenti di espansione verso il futuro, un cosmo delle galassie da esplorare lontane anni luce. Io viaggio ai confini dello spazio, nella quarta dimensione, ed esploro i pianeti dei miei disegni sopra un razzo con tre propulsori…”
La mostra con le opere di Giorgio Barbero è l’occasione per la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo per celebrare insieme l’anno dedicato al Patrimonio Culturale Europeo e il quarantennale della Legge Basaglia, segnalando l’esistenza di patrimoni artistici sommersi e a rischio di dispersione, anche se di pregio. Le opere esposte, realizzate nell’Ex Ospedale Psichiatrico di Collegno fra gli anni ‘80/90, provengono dall’Archivio dell’ex Centro Sociale Basaglia, ex Ospedale Psichiatrico di Collegno, ASL TO3, e due di queste, di grande formato, saranno visibili per la prima volta dopo il restauro, eseguito da Soseishi.
Questa mostra, la presentazione del catalogo, l’incontro con alcuni importanti attori del vai e vieni tra arte mainstream e arte irregolare, i laboratori per i diversi pubblici, sono le ulteriori tappe di un percorso che si propone di offrire spunti di riflessione sulla trasformazione della psichiatria e dei servizi sociali, indagandone le connessioni con l’arte contemporanea attraverso una rilettura critica di potenti e differenti visioni artistiche.
Opportunità, tutte, per guardare all’evoluzione nel tempo di un territorio, quello tra Torino e Collegno, dai primi novecento ad oggi, rispetto ad autori ed accadimenti artistici significativi e con importanti relazioni reciproche: rapporti personali, di ricerca o lavoro nell’ambito dell’arte, della salute mentale e dell’inclusione sociale. Un’indagine tutt’ora in corso, per scoprire ciò che è stato condiviso e interiorizzato dai protagonisti di tali vicende ed è divenuto patrimonio culturale della comunità, divulgato e divulgabile oltre la realtà locale.
L’evento – quale proseguimento della mostra: Visioni fra cielo e terra: Giorgio Barbero & C – è una collaborazione fra Città di Torino; Opera Barolo; ASL Città di Torino; ASLTO3; Fondazione Sandretto Re Rebaudengo; Museo di Antropologia ed Etnografia, Università degli Studi di Torino; Associazioni: Arteco, Artenne, Forme in bilico, Fermata d’autobus, Futurino, Figure Blu di Parma, LAO di Verona, Linea d’acqua; Cooperative Sociali: Arte Pura, Chronos/Consorzio RISO, La Rondine e P.G. Frassati. Si ringraziano le gallerie: Franz e Davide Paludetto; Opere Scelte.

Appuntamenti

27 settembre, ore 18.00: presentazione del volume Fuoriserie: un’indagine, una documentazione, sui talenti insoliti che germogliano nelle terre di mezzo tra “il dentro e il fuori” o a margine, del mondo dell’arte ufficiale e delle istituzioni totali.

28 settembre ore 10 -12 e 15-17: Laboratori gratuiti per cooperative e centri diurni

30 settembre ore 16-18: Sopra un razzo con tre propulsori! Domenica per famiglie dedicata ai bambini dai 3 agli 11 anni e alle loro famiglie. Costo: 5 euro per ogni bambino partecipante. Prezzo speciale di 3 euro con Abbonamento Musei e Abbonamento Musei Junior. Gratuito per genitori e accompagnatori, fino a un massimo di due persone.